Seguici su  
5 dicembre 2017

Ti sto parlando dei voucher per la digitalizzazione, che consentono a micro, piccole e medie imprese di sfruttare un piccolo ma significativo contributo a fondo perduto, si tratta in effetti di un vero e proprio ‘buono’ corrisposto dal ministero per lo Sviluppo Economico, elargito a quelle aziende che ne facciano richiesta e che ne posseggano i requisiti, a patto di investire una somma almeno di pari importo rispetto a quella ricevuta.

In sostanza l’impresa beneficia del voucher, il cui valore non può superare i 10.000 euro, i quali comprendono al massimo, il 50% della totalità delle spese ammissibili.

19 settembre 2017

Il motore di ricerca Google viene usato oltre un miliardo di volte ogni giorno. Si tratta di 720.000 ricerche al minuto.
In questo marasma di ricerche pensiamo di essere il proprietario di un e-commerce di calzature che vende marchi "mainstream", come Nike o Hogan, e si trova a dover competere non solo con gli shop on-line dei produttori, ma anche con i colossi dell'abbigliamento presenti sul web.
In quanto proprietari vogliamo avere risultati subito, non siamo disposti ad aspettare i movimenti generati dalla SEO nel lungo termine; vogliamo essere "primi su Google", digitare la nostra bella chiave di ricerca "Nike" e trovarci in prima pagina.
Unico modo per riuscirci nella giungla di ricerche e competitor è quello di affidarsi agli annunci pubblicitari di Google AdWords

25 luglio 2017

Partiamo da una definizione: cosa sono i backlink?
Si tratta dei link che una pagina (detta di destinazione) riceve da una pagina esterna (detta pagina risorsa).


Grazie a questi link in ingresso la pagina acquisisce un certo valore agli occhi di Google. In particolare distinguiamo tra link interni (provenienti dallo stesso sito) e link esterni (provenienti da altri siti) e, ovviamente, in base alla diversa tipologia essi hanno un diverso valore.
Data la difficoltà di ricevere tali link, quelli esterni hanno un punteggio di qualità enormemente superiore rispetto a quelli interni e la vera link building si progetta sui primi.

4 luglio 2017

"D'ora in poi ogni aggiornamento, se non diversamente specificato, sarà chiamato Fred."

Questo è il cinguettio di risposta che uno dei portavoce di Google (Gary Illyes) ha pubblicato su Twitter a seguito delle inclazanti domande degli addetti ai lavori. 

Partiamo con ordine, cosa è successo negli ultimi mesi?
A partire da Febbraio e fino a metà Marzo del 2017 sono stati avvertiti forti scossoni all'interno della SERP di Google che hanno fatto gridare "HABEMUS AGGIORNAMENTUM" ad alcuni SEO.
Da qui le risposte dei due portavoce, la prima più diplomatica da parte di John Muller ("Google fa aggiornamenti praticamente tutti i giorni"), la seconda già citata da parte Gary Illyes dalla quale è stato coniato il nome di Fred Update.