Seguici su  
5 dicembre 2017

Ti sto parlando dei voucher per la digitalizzazione, che consentono a micro, piccole e medie imprese di sfruttare un piccolo ma significativo contributo a fondo perduto, si tratta in effetti di un vero e proprio ‘buono’ corrisposto dal ministero per lo Sviluppo Economico, elargito a quelle aziende che ne facciano richiesta e che ne posseggano i requisiti, a patto di investire una somma almeno di pari importo rispetto a quella ricevuta.

In sostanza l’impresa beneficia del voucher, il cui valore non può superare i 10.000 euro, i quali comprendono al massimo, il 50% della totalità delle spese ammissibili.

24 ottobre 2017

6 Errori da evitare per campagne Facebook di successo

In questo pezzo vogliamo tradurre un articolo molto significativo in termini di campagne Facebook, che spiega quali sono gli errori da evitare per ottenere campagne efficaci, cercheremo in ogni caso di metterci del nostro visto che abbiamo una considerevole esperienza in merito perché quotidianamente per i nostri clienti realizziamo campagne pubblicitarie Facebook di successo.

Non è raro vedere aziende che si improvvisano pubblicitari e creano delle inserzioni che fanno letteralmente rabbrividire, sotto il piano dei contenuti e/o della forma, ma i costi delle Facebook Ads...

26 settembre 2017

Come aumentare follower su Instagram

E’ probabilmente tra i social più cool del momento, acquisito da Facebook nel 2012 che ne intuì le enormi potenzialità, stiamo parlando di Instagram, il secondo medium più utilizzato in Italia con 14 milioni di utenti attivi ogni mese, vediamo come far crescere i follower instagram rapidamente...
 

Avere successo su Instagram

Ogni strategia su Instagram va pensata in relazione a delle dinamiche specifiche, innanzitutto tenendo in conto che si tratta di un social col 65% di utenti con meno di 35 anni e con un quarto degli utenti collocabili nella fascia 19-24, perciò le aziende...

19 settembre 2017

Il motore di ricerca Google viene usato oltre un miliardo di volte ogni giorno. Si tratta di 720.000 ricerche al minuto.
In questo marasma di ricerche pensiamo di essere il proprietario di un e-commerce di calzature che vende marchi "mainstream", come Nike o Hogan, e si trova a dover competere non solo con gli shop on-line dei produttori, ma anche con i colossi dell'abbigliamento presenti sul web.
In quanto proprietari vogliamo avere risultati subito, non siamo disposti ad aspettare i movimenti generati dalla SEO nel lungo termine; vogliamo essere "primi su Google", digitare la nostra bella chiave di ricerca "Nike" e trovarci in prima pagina.
Unico modo per riuscirci nella giungla di ricerche e competitor è quello di affidarsi agli annunci pubblicitari di Google AdWords

12 settembre 2017

Il commercio online (e-commerce) sul territorio web italiano è in grande ascesa, e le previsioni dicono che fino al 2022 i numeri sono destinati a crescere. Infatti gli utenti online che sono diventati acquirenti ormai non fanno più notizia, fa sicuramente notizia l'aumento degli shop online, che sono aumentati del 10% rispetto al 2016, una crescita clamorosa con un giro d'affari sempre più imponente. Nel Bel Paese ci sono 20,7 milioni di utenti attivi che hanno aumentato la loro potenza d'acquisto, infatti le transazioni generate sfiorano i 20 miliardi di Euro, un aumento del 18% rispetto all'anno appena trascorso.

Il trend della crescita, per il prossimo anno, dovrebbe essere intorno al 19%, con un aumento di altri 3 miliardi di Euro sugli attuali 20 di transazioni effettuate online, nonostante l'Italia sia un paese ancora refrattario, per molti versi, agli acquisti online. Stiamo andando quindi a chiudere quel gap con il resto d'Europa, che i dati dicono che chiuderemo entro il 2022 (forse) per quanto riguarda l'efficacia e la "naturalezza" degli acquisti online.